A scuola di “Iberico” con Andrea Miele…

Si fa presto a chiamarlo prosciutto. Quella spagnola per il prosciutto è una forma di cultura che, arrivata a un certo punto, rasenta il concetto di arte.

Si taglia a mano, si serve a piccole lonchas, e a temperatura ambiente. Ogni parte di un “iberico” ha una sua identità – nome incluso – e un sapore ben preciso. E poi la classificazione, a seconda del tipo di provenienza e dell’alimentazione.

Insomma, nulla è lasciato al caso, neanche chi è “ufficialmente” autorizzato a tagliarlo. E’ per questo che evito di dire stupidaggini e, per capirne un po’di più, mi sono affidato a un breve ma intenso tutorial di Andrea Miele, Cortador Profesional dell’Associazione Nazionale Cortador de Jamon, con tanto di tesserino 🙂

 

Facebook
Telegram
Pinterest
WhatsApp
Email
Picture of Maurizio Gabriele

Maurizio Gabriele

Fondamentalmente un curioso. Programmatore e sistemista pentito, decide di virare in modo netto verso il mondo della comunicazione, caratterizzato da progetti decisamente più stimolanti. Attratto dalla cucina sia come forma di espressione che di nutrimento e, inevitabilmente, dal vino. Sommelier dal 2018. In giurie internazionali dal 2020. Editor e Co-founder di TheUnique. Writer per passione. Entusiasta per scelta di vita.

Leggi anche...