Il momento “egocentrico” di Antonio Cascarano con il suo nuovo “GìGì”

Cosa possiamo scrivere, ancora, parlando di Camerlengo e di Antonio Cascarano?
Quella per i suoi vini è una mia personale e dichiarata passione, e incontrare Antonio è sempre un bel momento di scambio. Vuoi per parlare delle origini delle sue etichette e del nome dei suoi vini. Vuoi per i progetti, sempre caratterizzati da quel sacro fuoco che caratterizza il suo modo di essere.

Stavolta è il turno di “GìGì”, nuovo vino in bottiglia da un litro. Un momento di sano e divertito egocentrismo che Antonio si è concesso alle soglie dei suoi abbondanti “anta” di età (n.b. è una sua considerazione). Che dire, se non che un annuncio a così lungo termine mi lascia a bocca asciutta per troppo tempo?

Facebook
Telegram
Pinterest
WhatsApp
Email
Maurizio Gabriele

Maurizio Gabriele

Fondamentalmente un curioso. Programmatore e sistemista pentito, decide di virare in modo netto verso il mondo della comunicazione, caratterizzato da progetti decisamente più stimolanti. Attratto dalla cucina sia come forma di espressione che di nutrimento e, inevitabilmente, dal vino. Sommelier dal 2018. In giurie internazionali dal 2020. Editor e Co-founder di TheUnique. Writer per passione. Entusiasta per scelta di vita.

L’Etna di Donnafugata

E’ una Sicilia a 360 gradi quella presentata da Donnafugata. Parlando con Baldo Palermo, direttore marketing

Leggi anche...