Koji Nakai: un giapponese che ama Roma

…perché io amo Roma”. Basta questa affermazione per descrivere con poche parole la filosofia dello Chef Koji Nakai e della cucina del suo ristorante “Nakai” a Roma.

Non pensavo, a due passi dal Vaticano di poter trovare una così interessante fusione tra cucina giapponese e cucina romana. E’ una esperienza bella, da ripetere, quella fatta di una alternanza tra “Open Your Mind” (strepitosa polpetta ripiena di ragu di polpo, crema di latte di cocco e top di Aonori e Kastuobushi) e un fiore di zucca in tempura con ripieno di cacio e pepe, passando per una ceviche e, perché no, per una carbonaraJapanese Style” con uova di merluzzo e guanciale croccante. Sulla carta una eresia per un romano, ma una delizia di cui approfittare fin dalla prima forchettata.

La romanità di Koji si sente, e mi sento di dire che riesce a comunicare in modo egregio nei suoi piatti sia il suo amore per Roma che il rispetto per materia prima e tradizioni. Avventurarsi in una carbonara con uova di pesce non è un compito facile, ma mi pare di capire che a Koji le cose facili non piacciano…

Idee chiare che ritroviamo nei piatti. Idee chiare anche per quanto riguarda gli abbinamenti con il vino. Nakai propone una carta dei vini più che interessante. Che si tratti di vino o di Sake, Koji ama parlare di “sapore completo” per rappresentare al meglio il desiderio di ottenere il perfetto connubio, in bocca tra cibo e vino.

Non il solito giapponese. Tutt’altro.
Una esperienza da fare. Una proposta che fonda le sue radici sulle tecniche di cucina giapponesi, sulla conoscenza profonda del pesce, sulla impeccabile estetica di ogni piatto che esce dalla cucina, sulla curiosità nell’integrare materie prime italiane e sulla grande vena creativa di Koji.

Una gran bella sorpresa.
www.nakairoma.com

 

Facebook
Telegram
Pinterest
WhatsApp
Email
Maurizio Gabriele

Maurizio Gabriele

Fondamentalmente un curioso. Programmatore e sistemista pentito, decide di virare in modo netto verso il mondo della comunicazione, caratterizzato da progetti decisamente più stimolanti. Attratto dalla cucina sia come forma di espressione che di nutrimento e, inevitabilmente, dal vino. Sommelier dal 2018. In giurie internazionali dal 2020. Editor e Co-founder di TheUnique. Writer per passione. Entusiasta per scelta di vita.

Leggi anche...